FOLIGNO. CONSIGLIERE LEGHISTA: NESSUNA FAKE NEWS DAL MOVIMENTO STELLE NEL CUORE (parte seconda) 

COME ANNUNCIATO PUBBLICHIAMO LA 2° PARTE DELLA RISPOSTA 

Gli attivisti del Movimento StelleNelCuore, non fanno sconti a nessuno, esprimono critiche e diffondono notizie, propongono temi e quando ritengono sia utile, esprimono le loro idee e fanno le loro proposte, tutto ciò a prescindere, dall’orientamento politico del destinatario.

IL TEMA

Le dichiarazioni di un consigliere della maggioranza leghista, contenevano, oltre ad affermazioni denigranti (potete leggere la dichiarazione qui), nei confronti di liberi cittadini che riuniti in associazione, esercitano il loro diritto di critica, nei confronti della nuova amministrazione locale, anche un elogio dell’operato relativo ai primi sette mesi di mandato, della sua parte politica, dichiarando: “E’ normale che l’opposizione cerchi il pelo nell’uovo, salvo sbagliare uovo, o mettervi dentro un pelo artificiale, dimenticando quel che di buono ha fatto e sta facendo la nuova Giunta Zuccarini, come una città migliore, mai vista così nelle Feste Natalizie, un Capodanno eccezionale, il taglio della Tosap, (Tassa occupazione suolo pubblico), come una più equa Tari, il cambio dei vertici Vus, personaggi importanti come Sgarbi a Foligno, Fibra Ottica per le zone non raggiunte dalla rete internet, (oggetto di prossima conferenza stampa), etc…”

Tirati in ballo dal consigliere, non possiamo che replicare alle sue affermazioni (tralasciando quella dell’uovo), leggendo le quali, abbiamo trovato la conferma, che la critica da noi fatta aveva un VALIDO fondamento, ossia che in sette mesi, sono state fatte quattro cose (di numero), come ha affermato nella dichiarazione il consigliere.

IL CONFRONTO

Infatti dalle sue dichiarazioni si evince che in in sette mesi, poco o nulla è stato fatto dalla giunta a guida Zuccarini; la nostra affermazione si basa sulla comparazione con quanto fatto dalla Governatrice dell’Umbria Tesei e la sua giunta, in poco più di due mesi.

Infatti, facendo un confronto tra l’operato della giunta Zuccarini e quello della Tesei (eletta in regione sotto il simbolo Lega) e la sua giunta, risulta evidente che la Tesei in due soli mesi, è riuscita a dare forti segnali di cambiamento, forse sbagliando qualcosa, ma agendo il più in fretta possibile, per avviare il cambiamento. E certamente la complessità di gestione di una regione, è ben più impegnativa di quella di un comune della grandezza di Foligno, che seppur terza città dell’Umbria, ma non arriva ad amministrare neanche sessantamila abitanti.

Facendo, ad esempio, un rapido raffronto basandosi sul numero dei dirigenti apicali, il comune di Foligno opera con 7/8 dirigenti apicali, la regione Umbria all’incirca tra i 36 e i 50 dirigenti apicali; ma la Tesei ancor prima dell’insediamento, già dichiarava la volontà di ridurre e cambiare i dirigenti.

Non sarà quindi che la Tesei,  pur non conoscendo esattamente il funzionamento dell’ente regione, avesse maturato sufficiente esperienza nei suoi due mandati come sindaco?

LA RISPOSTA NEL DETTAGLIO 

Ma vediamo nel dettaglio i “successi” decantati dal “consigliere della lega”: 

Le Luminarie e gli eventi annessi: sono stati ben gestiti e graditi ed hanno segnato una svolta rispetto al passato; un successo ottenuto però utilizzando una parte degli (8 milioni di euro) fondi -avanzo di cassa-  forse prudentemente lasciati dall’amministrazione uscente, viste le diverse cause aperte, cause cui gli accantonamenti di legge non sono sufficienti a coprire il rischio. Ma passata la festa, resta evidente una Foligno con un centro storico commercialmente spento, anche se con le luminarie di natale ancora accese (con inutile dispendio di energia elettrica) forse per illudere che il natale duri di più, dimenticando che 49 attività commerciali del centro storico si sono spente definitivamente nel 2019. Sotto le luci si cela purtroppo una realtà di macerie, generate da decenni di scellerate scelte politiche, che occorre programmare come rimuovere per poi ricostruire.

Il taglio della Tosap: oltre ad essere stato comunicato dopo che avevamo fatto uscire in nostro articolo, è stato presentato alla stampa come uno spot pubblicitario, invece che come una “informazione al cittadino”.  Nella sostanza il piano tariffario che nel dettaglio non conosciamo, se non per quanto lo spot racconta, prevede il  72% di diminuzione lungo Corso Cavour (immaginiamo si riferisca alla categoria 1°) e la riduzione dell’8% entro le mura Zona A del P.R.G (che crediamo si riferisca alla categoria 2°)-.  Il bilancio 2020 approvato per il momento dalla Giunta, al riguardo prevede un gettito, per quest’anno stimato in € 120.000 per la Tosap Temporanea ed in € 50.000 per la Tosap Permanente, stime che non sono certamente inferiori al conseguito del 2019. Vedremo dai rendiconti mensili, se le previsioni saranno perseguite.  

Una più equa Tari: una equità tutta da provare. La TARI è una tassa che per essere equa va allineata alla quantificazione dei rifiuti prodotti, così come anche previsto dall’UE. Un discorso a parte va fatto poi sui tempi (cambiare a fine anno quando molti erano in attesa della conferma delle esenzioni) e la convenienza della modalità usata, togliere ai più economicamente deboli, per ridistribuire a quelli meno deboli!

Il cambio dei vertici VUS: vista la particolarità della VUS spa, che non è una partecipata 100% del comune di Foligno, ma di 22 comuni e che della quale il comune di Foligno possiede molto meno del 50% della proprietà, a nostro giudizio ha giustamente destato una forte protesta, l’approccio utilizzato, “ad imperio”, che non ha coinvolto e non ha tenuto conto, del parere di tutti i soci, anche di quelli di minoranza.

Personaggi importanti come Sgarbi: Il Premio Rosa dell’ Umbria nato nel 2005 per premiare gli ‘ambasciatori d’eccellenza’ dell’Umbria, che nella sua prima edizione premiò ad esempio, il fondatore del Tg5 Lamberto Sposini che seppur per motivi di salute, non vediamo più in TV, resta nei nostri cuori, il Generale di Brigata Aerea Roberto Vittori “astronauta”, l’oncologo professor Maurizio Tonato. Ora che alla consegna dei premi, sia stato invitato Sgarbi, non ci sembra una nota di merito e non apporta nessun beneficio per la città e i suoi cittadini, diverso se fosse venuto qualche premio Nobel  o personaggio di alto profilo culturale.

Fibra Ottica per le zone non raggiunte dalla rete internet – non sappiamo se l’affermazione si riferisca:

  • alla fibra ottica in modalità FTTH che Open Fiber un investimento di 7 milioni di euro, che la stessa società sta realizzando già dal mese di aprile 2019 riutilizzando infrastrutture già presenti sul territorio di Foligno per circa il 75%. Tale piano che prevede il cablaggio delle scuole e degli uffici comunali oltre a 19 mila unità immobiliari tra Umbria e Marche, per migliorare le relazioni tra amministrazione e cittadini e la competitività delle imprese presenti sul territorio.
  • o  al connettere in rete zone non raggiunte con reti senza fili, in qual caso si aprirebbe un altro discorso sottaciuto. In questo caso occorrerebbe dire che sia la precedente che questa amministrazione, si è mossa senza coinvolgere la cittadinanza, utilizzando finanziamenti pubblici, non per rinnovare palificazioni della pubblica illuminazione, ma dichiarando il passaggio alla illuminazione a led, impianta collegamenti internet (per amor di popolo!!), creando senza annunciarlo l’infrastruttura del 5G.

Per far questo si stanno sempre più spesso abbattendo alberi con varie motivazioni/scuse, solo perché frenano il segnale. Ricordiamo che il 5G è una tecnologia potenzialmente pericolosa, per la quale non ci sono ancora sicurezze, non essendo stata adeguatamente testata; tale tecnologia che usa una lunghezza d’onda delle frequenze, vicina a quella delle micro onde con capacità ionizzanti, può in sostanza provocare un incremento di episodi tumorali, in special modo nei bambini, che sono i soggetti più sensibili. “A causa della sua portata limitata, il 5G richiederà antenne dispiegate ogni 100 o 200 metri, esponendo molte persone alle radiazioni delle onde millimetriche”.

Anche la sua affermazione, che riportiamo < Fermo restando che solo coloro che non conoscono la complessità di una macchina amministrativa di un grande Comune come Foligno, possono pensare  che una nuova Giunta possa risolvere in soli 6 mesi i tanti problemi di 73 anni con Amministrazioni spesso “lontane” dai cittadini, da Foligno e dal suo territorio.>, ci spinge a dare alcune risposte.

Non vogliamo dare al consigliere Lucangeli una “lectio magistralis “  in fatto di gestione dei comuni in quanto non è questa la sede.

Solo chi non ha esperienza di gestione e conosce superficialmente il funzionamento di un comune lo considera complesso e difficile.

In un ente locale  tutte le azioni sono codificate da regolamenti, a partire dalla Costituzione Italiana, dalle leggi nazionali,  dalle leggi stato regione, dal T.U.E.L. , dai regolamenti interni dell’ente locale a partire dallo statuto comunale. Vanno letti, studiati e ricordati e applicati.

CONCLUDENDO 

Foligno sta economicamente morendo, la criminalità dilaga,  lo zone montane e le periferie abbandonate, le zone industriali abbandonate, il centro storico ha più serrande delle attività commerciali abbassate, di quelle in attività.

Il comune e i suoi cittadini, non hanno più tempo, non possono aspettare che l’amministrazione in carica, lentamente apprenda come funziona, la macchina amministrativa comunale. Almeno le persone che vengono selezionate e scelte per far parte della giunta, non possono che essere scelte tra quelle esperte e atte a governare, non tra quelle che per “meriti” elettorali rivendicano un ruolo, le quali avranno poi bisogno di tempo, per apprendere come funzione la macchina amministrativa e come utilizzarla, seguendo un percorso lungo e tortuoso.

PER COLLABORARE SUGGERIAMO: 

Se cercate idee e progetti su come risollevare l’economia e la vivibilità del comune/città, vi invitiamo ad utilizzare o prendere spunti, dai nostri progetti, a disposizione al seguente indirizzo web: https://www.stellenelcuore.it/programma-elettorale-amministrative-2019/ .

Sono trenta progetti dettagliati, che coprono le maggiori criticità della città, a 360 gradi abbastanza dettagliati per essere comprensibili.

Movimento STELLENELCUORE

Links per approfondimenti:

https://www.stellenelcuore.it/lettera-aperta-al-sindaco-e-alla-giunta-comunale-di-foligno

https://www.stellenelcuore.it/cambia-il-direttore-dorchestra-ma-la-musica-per-alcuni-e-sempre-la-stessa/

https://www.umbriaoggi.it/zuccarini-sta-facendo-bene-ma-e-vittima-di-fake-news-19437

https://www.stellenelcuore.it/foligno-consigliere-leghista-nessuna-fake-news-dal-movimento-stelle-nel-cuore/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *