Gli Eletti

GLI ELETTI: IL RUOLO E LORO RAPPORTO CON I TEAM, GLI ATTIVI E SIMPATIZZANTI

Le StelleNelCuore sono un Movimento.

Gli Eletti insieme ai TEAM sono il Movimento.

Chiari debbono essere i rapporti tra gli eletti StelleNelCuore e i TEAM con i loro organi statutari.

L’adesione al Movimento implica una «lealtà» molto duratura ma non fanatica. L’opposizione interna e la sua manifestazione non devono però generare scontri, ma bensì confronti. Non devono finire con vincitori e sconfitti, ma con una soluzione condivisa.

Agli organi eletti nelle istituzioni, così come ai TEAM tramite i loro organi di gestione, non sarà permesso di trasformarsi in leader impegnati alla distribuzione delle prebende, tanto verso le fazioni interne che verso i simpatizzanti.

E meno che mai dovranno attraverso una gestione collegiale (accordo tra eletti e TEAM) distribuire favori a notabili, baroni o boss locali, senza pagarne le conseguenze.

La figura del leader che si presenta come rappresentante del Movimento dovrà sposare interamente la filosofia ed il programma che sono di fatto StelleNelCuore, la sua legittimità resterà legata alla capacità di promuovere gli impegni assunti nei confronti della sua base interna ed elettorale/sociale.

Gli iscritti al TEAM dovranno tener conto della disponibilità che i candidati hanno dato nell’accettare la candidatura, che li coinvolge, modificando le loro normali abitudini e chiede a loro impegno e tempo dedicato.

L’Eletto deve restare un leader che mentre usa le risorse organizzative, strategicamente è lui stesso una risorsa.

L’eletto nelle Istituzioni deve riconoscenza al TEAM (attivisti e simpatizzanti) che ha operato gratuitamente affinché lo stesso/a potesse candidarsi e successivamente essere eletta/o. Pertanto l’eletto resta uno come un altro all’interno dell’organizzazione StelleNelCuore, soggetto alle regole previste da Statuto e regolamenti interni.

L’Eletto è una risorsa preziosa utile e necessaria per la realizzazione del programma, esso dovrà sempre ricordare il valore della “partecipazione”, che è lo strumento per tenere insieme il Movimento fatto da tutti i suoi partecipanti.  Pertanto dovrà riconoscere la superiorità del “VOTO” interno al Movimento nell’esercitare il suo ruolo, essendo il voto il fondamento del nostro vivere democratico.

L’Eletto negli organismi di governo locali o centrali interni o esterni al Movimento, dovrà sostenere processi decisionali collettivi, e non approcci e visioni individuali. Quando ciò non avviene, l’eletto diviene causa d’erosione o esplosione dei rapporti tra, iscritti e elettori e le figure ufficiali del Movimento.

I cittadini, gli iscritti e i simpatizzanti sono coloro che hanno diritto e necessità di far sentire la loro voce, spetta agli Eletti l’obbligo di dare risposte motivate, e se le risposte non convincono, modificare il loro comportamento nel rispetto della protesta, facilitando sempre attraverso attività formalizzate, occasioni d’incontro e di dialogo con qualsiasi mezzo utile.

Movimento StelleNelCuore